click on the menu
to reveal the arrow buttons and scroll to more pages

Italiano

Un millennio di storia - continuato

Uno sguardo attorno

Entrando in chiesa, direttamente sotto la tribuna dell’organo, girate a destra dove troverete, nel transetto sud-ovest, un busto raffigurante l’Ammiraglio Arthur Phillip RN (1738-1814), eseguito da CL Hartwell nel 1932. L’Ammiraglio fu comandante della prima flotta trasportatrice di prigionieri in Australia e divenne il primo governatore della provincia australiana della New South Wales. L’Ammiraglio fu battezzato nella parrocchia servita dalla chiesa, la quale svolge anche la funzione di chiesa australiana a Londra. La figura (corpus) di Cristo crocefisso situata sulla parete orientale é un’opera recente eseguita da Simon Robinson, come lo sono anche i candelieri pasquali ed i candelieri posti sull’altare.

In alto, sopra all’altare é sospesa una scena di crocefissione donata dal popolo della Repubblica Federale della Germania nel 1964: la prima crocefissione ad essere esposta in questo punto dai tempi della Riforma Anglicana. Nella cappella meridionale (alla destra dell’altare) dietro all’inferriata é collocato un ciborio importante dove viene conservata l’ostia dopo l’eucaristia. La forma del ciborio ricorda la torre rinomata della chiesa.

Dall’altra parte dell’altare, nella cappella settentrionale, é collocato un rilievo in bronzo di San Giorgio e il dragone, eseguito da Ragnhild Buttenschøn, donato dal re e dal popolo norvegese in riconoscimento e commemorazione della resistenza norvegese durante la seconda guerra mondiale, e del fatto che prima del 1944 una registrazione delle Campane di Bow fu fatta suonare attorno all’Europa per comunicare che stava per avvenire la liberazione.

É interessante notare che oggi la chiesa ha due pulpiti, anticamente usati dai Cristiani per la lettura delle Epistole e della Bibbia e ora usati nel contesto di un vivo programma di seminari, dialoghi e dibattiti.

Le vetrate ritraggono Cristo in Maestà al di sopra della Città di Dio tratto dal Libro dell’Apocalisse e circondato dai doni dello Spirito Santo rappresentati dalle fiamme: a sinistra invece si scorge la Vergine appoggiata sulle volte della cripta e tenendo in mano un modello della chiesa di St. Mary-leBow mentre sulla destra invece c’é San Paolo, il santo patrono di Londra, circondato dalle chiese sopravvissute ai bombardamenti della seconda guerra mondiale. Sulla parete occidentale i vetri raffigurano il sindaco di Londra con il suo seguito, incluse le figure sedute di San Paolo e San Tommaso Becket (il quale nacque a Cheapside e avrà conosciuto bene la chiesa medioevale). L’altra vetrata invece raffigura l’amministrazione della City di Londra, al centro della quale si erge di nuovo San Paolo.